la via
e il quartiere
la chiesa
della cava
la cava
da vedere
tradizioni
e curiosità
eventi
e novità
home
 
eventi
e novità
eventi
annuali
notizie
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017

 Notizie dalla Cava - anno 2005


14 gennaio
La Cava e i Cavajoli a "La Prova del Cuoco"


Sabato 29 gennaio una folta delegazione della Associazione Culturale "La Cava e i Cavajoli" parteciperà alla trasmissione "La Prova del Cuoco", condotta da Antonella Clerici, con la collaborazione di Beppe Bigazzi e della umbra Anna Moroni.
Durante la puntata, trasmessa in diretta su RaiUno, un amico della associazione svelerà la ricetta di uno dei dolci più noti di Orvieto, realizzando in studio la celeberrima torta al semolino.
Per prenotare gli ultimi posti disponibili per partecipare alla trasmissione come pubblico, basterà contattare la segreteria della associazione al numero 0763.340.963 o scrivendo a cava@orvieto.info.

notizia pubblicata da: OrvietoSì - OrvietoNews - Corriere dell'Umbria - RTUA Notizie


11 marzo
Addio a Pino, il decano dei Cavajoli


Si è spento stamattina a novantatre anni, nella sua casa di Via della Cava, il più anziano dei "Cavajoli DOC", Crispino Morelli, per tutti solo e semplicemente "Pino il carrettiere".
Era questo, infatti, il mestiere che ha accompagnato gran parte della sua vita, ed era lui che, per anni e anni, ogni mattina alle sette e mezza faceva risuonare i cerchi di ferro delle ruote del suo carretto lungo i gradoni in terra battuta di Via della Cava; e la gente capiva che era ora di alzarsi.
È un enorme bagaglio di ricordi e di esperienze quello che Crispino Morelli porta via con sé: un ricchissimo patrimonio di tradizioni, anche perché Pino era rimasto l'unico a parlare il vero dialetto orvietano, con le parole mezze biascicate e le finali quasi cantate, con le vocali talmente indefinite e cantilenanti da non trovare corrispettivi in nessun alfabeto fonetico.
E ora non c'è più. Non c'è più un interprete schietto del nostro idioma, un "vecchietto arzillo" che fino a qualche settimana fa non disdegnava di andare a stiepidire le proprie stanche ossa alla "solina" di Porta Romana, o di fermarsi a raccontare gli infiniti aneddoti di cui era stato protagonista, assieme ad una selva di personaggi scomparsi da tempo, e descritti da Pino con colori così vividi e similitudini così assurde quanto azzeccate da sembrare di averceli lì davanti, quei suoi compagni di avventure, usciti direttamente dal quel medioevo che alla Cava è finito solo una quarantina di anni fa.
La Cava, già, quella Cava che è stata per quasi un secolo lo scenario naturale di cui Crispino conosceva tutti i risvolti, quella Cava che nemmeno due anni fa era in festa, quando Pino celebrò le nozze di diamante con la sua inseparabile Vera attorniato dall'affetto di figli, nipoti, parenti e amici; quella Cava, oggi, è mestamente in lutto, consapevole di aver perso l'ultimo dei suoi "padri".


notizia pubblicata da: OrvietoSì - OrvietoNews - La Nazione - Orvieto e dintorni - Corriere dell'Umbria - Il Giornale dell'Umbria - RTUAquasio - Tele Orvieto 39


22 maggio
Festa della Madonna della Cava a giugno

A seguito dell'ultimo cambiamento di data del Palio dell'Oca, quest'anno i consueti festeggiamenti in onore della Madonna della Cava si svolgeranno, invece del 21 e 22 maggio come anticipato già dallo scorso anno, il 4 e 5 giugno prossimi.
Dal punto di vista liturgico, due saranno i momenti salienti della festa: la concelebrazione della mattina del 5 giugno, presieduta dal Vescovo Diocesano Monsignor Giovanni Scanavino, e la solenne processione del pomeriggio, con la riproposizione dell'antico percorso, che tocca le tre parrocchie che lambiscono la Cava: San Giovenale, San Giovanni e Sant'Andrea, raggiungendo anche Piazza della Repubblica.
Dopo la riuscita sperimentazione dello scorso anno, anche i festeggiamenti popolari tornano nella loro originaria collocazione, a Piazza Malcorini, dove si potrà mangiare e bere in compagnia, ballare, ammirare arte e artigianato e fare anche un atto di solidarietà per i bambini.
La preziosa collaborazione con il Palazzo del gusto ha permesso alla Associazione Culturale "La Cava e i Cavajoli", a cui il parroco ha affidato il coordinamento dell'evento, di organizzare, delle due giornate della festa, "La Cava del Gusto": banchi di assaggio di focacce, porchetta, formaggi di qualità e affettati locali con proposte di abbinamento tutte sa scoprire.
Tra le novità anche la collaborazione con l'Associazione Nazionale Città delle Ciliegie, che organizzerà in Piazza Malcorini, con l'aiuto della Pro Loco di Celleno, uno stand della manifestazione nazionale "Ciliegie in piazza", il cui ricavato sosterrà un importante progetto dell'Unicef Italia.
"Espressività" è invece il titolo della mostra dei lavori dei ragazzi dell'Istituto Artistico e Classico di Orvieto, iniziativa che vedrà il suo esordio quest'anno, ma che conta di diventare un importante appuntamento, magari a tema, da inserire nel calendario delle attività didattiche annuali dell'istituto orvietano.
Confermate, come tradizione, le due serate danzanti, sabato con "Il Gatto e la Volpe", e domenica con Enzo e Paola, così come "artisti in salita", la mostra di artigianato e arte varia che lo scorso anno ha avuto un buon successo.
Altro punto immancabile la lotteria, con i premi moderni e quelli di una volta.

notizia pubblicata da: Bella Umbria - Umbria e Arte - La Nazione - Corriere dell'Umbria - OrvietoNews - Orvieto Sì - Orvietonews Magazine - La Voce - Viaggi in Rete - La Voce di Orvieto [Tele Orvieto 39] - RTUA Notizie - Viaggi in Umbria - Ulysse - Umbria Travel


29 maggio
Ciliegie in Piazza

Il prossimo 5 giugno, nell'ambito dei festeggiamenti annuali per la Madonna della Cava, Piazza Malcorini ospiterà uno stand di "Ciliegie in piazza", la nuova importante iniziativa di solidarietà a livello nazionale, organizzata dalla Associazione Nazionale Città delle Ciliegie e dall'UNICEF Italia.
La manifestazione, che si svilupperà in oltre 50 piazze italiane tra il 4 ed il 12 giugno prossimi, vedrà altrettanti stand in cui, a fronte di un contributo di 5 euro, verrà offerta una vaschetta da mezzo chilo di ciliegie per sostenere un importante progetto sociale dell'UNICEF.
La scelta di privilegiare Piazza Malcorini è nata grazie alla fattiva collaborazione che lega i soggetti coinvolti nell'evento, che si colloca come elemento di unione tra "Cavajoli in Festa", che fa capo alla nostra Associazione Culturale, e "Ciliegie d'Italia", l'importante gara nazionale organizzata per il 4 giugno dal Palazzo del Gusto e dalla Associazione Nazionale Città delle Ciliegie.
Lo stand "cavajolo", quindi, sarà non solo inserito nel contesto dei nostri festeggiamenti popolari, tra tante delizie pensate appositamente per essere abbinate alle ciliegie, ma è in questi giorni oggetto di una intensa campagna stampa a livello nazionale, essendo una delle cinquanta piazze italiane che hanno aderito all'evento.
L'iniziativa è stata possibile grazie all'interessamento delle citate realtà, oltre che delle Nuova Pro Loco di Celleno, che curerà l'allestimento dello stand, presentando anche alcune delle proprie specialità gastronomiche a base di ciliegie.

notizia pubblicata dalle stesse testate che hanno parlato della festa
(per quel che concerne Orvieto) e dalla principali testate italiane
(per quanto riguarda l'iniziativa a livello nazionale, con citazione delle
50 piazze, inclusa la nostra)



7 giugno
Cavajoli in festa 2005
due giornate di semplici e intense emozioni

È riuscita bene, nonostante previsioni meteorologiche non allettanti e una miriade di iniziative in programma nello stesso fine settimana, la festa della Madonna della Cava, con una buona partecipazione di pubblico alle celebrazioni religiose e alle iniziative del programma civile.
Soddisfatti gli organizzatori e i collaboratori, tra cui la Pro Loco di Celleno, che aveva allestito all'interno della festa un banco per la vendita delle ciliegie in favore dell'Unicef, preso letteralmente d'assalto alla fine della processione, tanto da esaurire tutte le scorte nel giro di poco più di un quarto d'ora.
Molto gradito dagli abitanti del quartiere il ripristino dell'antico percorso della processione; il passaggio della statua della Madonna della Cava è stato salutato in più parti con lanci di petali di rose e di bigliettini contenenti invocazioni.
Inattese e spesso commoventi anche molte manifestazioni di devozione nei confronti della Vergine, con fasci di fiori, biglietti con preghiere, ceri votivi e doni, alcuni dei quali piuttosto preziosi, lasciati nella piccola chiesa in occasione dei queste due giornate di festa.
Uno dei momenti più toccanti per la piccola comunità della Cava è stata senza dubbio la concelebrazione di domenica mattina, durante la quale Monsignor Scanavino ha consegnato un piccolo premio al centrotreenne artigiano Carmine Montefiore, festeggiato da parenti e amici nella chiesa in cui si venera la Madonna protettrice degli artigiani.
L'appuntamento è rinnovato per il prossimo anno, in una piazza Malcorini che speriamo di vedere finalmente pavimentata col selciato promesso qualcosa come quindici o sedici mesi fa.

notizia pubblicata da: Orvieto Sì - Orvieto News - La Voce di Orvieto [Tele Orvieto 39]


21 settembre
Non solo viabilità
l'Assessore Germani promette maggiore attenzione
per la parte più antica di Orvieto


Si è tenuta ieri sera una riunione tra i residenti della zona della Cava e l'Assessore Germani per discutere delle necessità del quartiere. L'incontro era stato sollecitato da alcuni abitanti della Cava per ribadire la impellente necessità di una regolamentazione del traffico lungo la via, che, pur essendo tra le più scoscese e trafficate di Orvieto, non ha mai avuto nessun dispositivo per prevenire o punire eccessi di velocità delle migliaia di macchina che ad ogni ora del giorno e della notte sfrecciano sul selciato, provocando spesso incidenti. Le lamentele dei cittadini hanno anche riguardato una certa latitanza della polizia urbana e hanno suggerito l'adozione di un autovelox. Germani, dal canto suo, ha esordito scusandosi per la mancata ripavimentazione di Piazza Malcorini, prevista per il marzo scorso, adducendo a giustificazione il fatto che i fondi previsti per la sistemazione delle ultime piazza asfaltate del centro storico sono serviti completamente per risolvere l'emergenza frane. L'Assessore ha poi rinviato ai prossimi mesi la partecipazione ai residenti delle soluzioni previste da una apposita commissione che sta lavorando proprio al problema della viabilità. Sul fronte delle urgenze è poi tornato alla ribalta l'annoso problema di Vicolo Malcorini, scosceso, strettissimo e completamente dissestato, tanto da costituire un serio pericolo per residenti e turisti. Forti garanzie anche sull'impegno dell'amministrazione di trovare un'altra soluzione per eliminare la presenza dei piccioni sotto Porta Maggiore. Altri ancora sono stati i problemi presentati a Germani, dallo stato di abbandono delle aree verdi del quartiere alle ingenti perdite d'acqua che rischiano di compromettere la stabilità di Porta Maggiore e della rupe sovrastante le grotte del Pozzo della Cava. Forte è stata la manifestazione di indignazione dei residenti, che si sentono esclusi dalla città, per interventi di manutenzione, pulizia e controlli. Gli operatori della via hanno infine lamentato un sempre maggior spostamento dei flussi turistici verso Piazza Cahen, con l'esclusione del quartiere medievale, che costituisce la parte più antice e più vera della città, e quindi più adatta a stimolare l'immaginario e a coinvolgere un turista che non sia quello del mordi-e-fuggi a cui Orvieto sembra inequivocabilmente ed inesorabilmente destinata. È stato richiesto di poter segnalare, alla rotatoria di Orvieto Scalo, che la variante non serve solo per andare a Viterbo ma anche per entrare ad Orvieto dal lato ovest, migliorando anche la segnaletica per il parcheggio coperto da cui partono ascensori e scale mobili, che su alcune insegne è chiamato "Campo della Fiera" , su altre "Ex Campo della Fiera" e su altre ancora "Foro Boario", per non essere poi chiamato in nessun modo quando ci si approssima al suo ingresso. Come Associazione Culturale per la tutela e la valorizzazione della Cava, oltre a ringraziare l'Assessore per la disponibilità, ribadiamo la nostra volontà a collaborare vigilando sia sugli impegni presi che su altre necessità in merito alle quali non ci sono ancora state prese di posizione ufficiali da parte della Amministrazione.

notizia pubblicata da: Orvieto News - Orvieto Sì - Il Giornale dell'Umbria
[queste tre testate hanno anche intervistato l'assessore per avere
rassicurazioni sugli impegni presi nel corso della riunione] - Orvieto e Dintorni
- RTUA notizie [RTUAquasio] - Corriere dell'Umbria - La Nazione [seppur con
toni polemici che non ci sono stati nel corso della riunione né nel nostro
comunicato]



12 ottobre
Radio Maria ritorna alla Chiesa
della Madonna della Cava

Il prossimo venerdì, 14 ottobre 2005, con inizio alle ore 16,45, avrà luogo una lunga diretta radiofonica dalla Chiesa della Madonna della Cava, per la trasmissione "Ora di Spiritualità" della notissima emittente Radio Maria.
Già lo scorso anno la stessa trasmissione aveva fatto tappa proprio alla chiesina della Cava, la cui scoperta era stata frutto di una ricerca compiuta su internet dai responsabili della radio, approdati nel sito www.cava.orvieto.info, predisposto dalla Associazione Culturale "La Cava e i Cavajoli" per promuovere le bellezze della parte più antica di Orvieto.
E così, il piccolo santuario mariano, tanto caro ai Cavajoli e non solo, tornerà, distanza di pochissimo tempo, ad ospitare la troupe di una delle emittenti radio più seguite e famose d'Italia, che trasmette quotidianamente la recita del Santo Rosario e dei Vespri della giornata.
Come lo scorso anno, questo occasione costituirà un importante appuntamento anche dal punto di vista liturgico, prevedendo la solenne esposizione del Santissimo Sacramento.
Per permettere l'evento e garantire il silenzio durante tutta la diretta è stata predisposta la chiusura del traffico di Via della Cava e Via Ranieri per il pomeriggio del 14.
Ecco in sintesi il programma: entro le 16,30 ingresso dei fedeli in chiesa;
entro le 16,35 esposizione del Santissimo Sacramento;
alle 16,45 inizio del collegamento in diretta e breve saluto del parroco;
entro le 17,00 inizio della recita del Santo Rosario;
alle 17,30 circa: recita dei Vespri della giornata;
al termine (entro le 17,45): Benedizione Eucaristica, canti e saluto finale.

notizia pubblicata da: OrvietoNews - OrvietoSì - La Nazione - Portale di Radio Maria - RTUA Notizie


1 dicembre
Il Calendario della Cava

La nostra Associazione Culturale ha emesso, nei suoi primi tre anni di vita, due differenti tipi di tessere: per i sostenitori e per i soci ordinari.
Le prime vengono distribuite a tutti coloro che contribuiscono al mantenimento del piccolo santuario della Madonna della Cava, e recano ogni anno una immagine diversa della chiesa.
Per le tessere dei soci, invece, si è pensato di utilizzare delle foto della Cava, iniziando così una sorta di piccola collezione di scorci, stampati formato carta di credito con tirature limitatissime e destinati ai soli membri effettivi della associazione (praticamente una ventina).
Così, tra una riunione e l'altra, ci è venuto in mente di rendere in qualche modo di dominio pubblico la raccolta di queste immagini cavajole che noi soci stiamo costruendoci pian piano.
E quale migliore modo di un calendario? Quello del 2006 è di sole tre pagine, dato che tre sono le immagini delle nostre tessere finora emesse, quello del 2007 ne avrà quattro, e così via fino a dodici. E poi? E poi forse bisognerà cambiare rotta, magari ricorrendo alle immagini di noi cavajoli in costume adamitico… Staremo a vedere, nel frattempo vi invitiamo a prendere visione di quello attuale, e auguriamo a tutti che ogni giorno che appare su questo nostro primo calendario sia splendido. Buon anno di vero cuore!!!



I comunicati stampa delle iniziative del Pozzo della Cava sono disponibili al sito www.pozzodellacava.it/press