la via
e il quartiere
la chiesa
della cava
la cava
da vedere
tradizioni
e curiosità
eventi
e novità
home
 
eventi
e novità
eventi
annuali
notizie
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017

 Notizie dalla Cava - anno 2004

29 gennaio
Celebrazione di Mons. Scanavino
nella Chiesa della Madonna della Cava


In occasione della festività della Presentazione di Gesù al Tempio (alla cui Vergine è dedicato il piccolo Santuario Mariano della Cava), che coincide con il primo anniversario della riapertura al culto della Chiesa, sono in programma alcuni eventi religiosi, come dal programma allegato.
La celebrazione su cui ci va di porre l'attenzione è la solenne messa di domenica 1° febbraio, vigilia della festa, officiata da Monsignor Giovanni Scanavino; per l'occasione (si tratta della prima messa celebrata da nuovo Vescovo Diocesano in una chiesa orvietana che non sia il Duomo) non verranno celebrate le Sante Messe domenicali delle parrocchie di San Giovanni e San Giovenale, per permettere ai fedeli di partecipare alla celebrazione della Chiesa della Madonna della Cava, durante la quale verrà straordinariamente impartita la benedizione delle tradizionali candeline della festa della "Candelora".

Programma dell'iniziativa:
giovedì 29, venerdì 30 e sabato 31 gennaio 2004, alle 21: Triduo di preparazione alla festività
domenica 1 febbraio alle 11: celebrazione della Santa Messa presieduta dal Nuovo Vescovo Diocesano S. E. Mons. Giovanni Scanavino, con la benedizione delle tradizionali candeline
lunedì 2 febbraio, alle 11: Santa Messa "della Candelora"
martedì 3 febbraio alle 17: S. Rosario e Litanie Mariane alle 17,30: S. Messa di San Biagio con benedizione della gola

notizia pubblicata da: Corriere dell'Umbria - Il Giornale dell'Umbria - RTUA Notizie - Tele Orvieto 39 - OrvietoSì - OrvietoNews


3 febbraio
Entusiasmo alla Cava per la visita del nuovo Vescovo


È stata davvero una giornata di festa la vigilia della "Candelora" 2004, per la visita di Monsignor Scanavino alla Cava.
A colpire e ad entusiasmare il popolo cavajolo è stata soprattutto la spontaneità del nuovo vescovo, che già il giorno prima era venuto "in avanscoperta" in forma privata, a conoscere qualche abitante e a vedere la chiesa dove avrebbe celebrato l'indomani, sorprendendo le donne della via nel bel mezzo delle pulizie.
Toccante la predica, esordita con "Oggi la Cattedrale di Orvieto è qui", e singolare la disponibilità dimostrata da Padre Giovanni (così ama chiamarlo il nostro Don Enrico), sia nei rapporti con le persone che nei piccoli gesti, come quello di tenere da solo il microfono che permetteva di seguire la messa anche a tutte le persone cha non avevano trovato posto all'interno della chiesa, o di unirsi gioioso ai canti liturgici improvvisati dai cavajoli (sorpresi da una inspiegabile assenza del previsto coro di San Giovenale) o ancora di partecipare, scherzando con tutti, al piccolo aperitivo in strada dopo la celebrazione.
Monsignor Scanavino ha confermato così di meritarsi l'appellativo di «Vescovo del sorriso» dato dalla stampa all'indomani della sua ordinazione in duomo.


3 marzo
E' nata l'Associazione Culturale «La Cava e i Cavajoli»


Sì è costituita lo scorso 2 febbraio una nuova associazione culturale senza fini di lucro.
Il nome, "La Cava e i Cavajoli", dichiara già il suo scopo: valorizzare e promuovere Via della Cava e l'antico quartiere della Cava attraverso il recupero delle tradizioni, la rivalutazione e il potenziamento delle attività artigianali, eno-gastronomiche, produttive, turistiche, sociali e culturali in genere.
L'associazione, aconfessionale e apartitica, è nata dalla naturale evoluzione dei comitati spontanei che si erano formati negli anni passati per gli addobbi natalizi, per la realizzazione di eventi e manifestazioni di vario genere, per la presentazione di progetti di valorizzazione e per la riapertura della Chiesa della Madonna della Cava.
"La Cava e i Cavajoli" si pone quindi come strumento operativo dell'intero rione, rimasto forse l'ultimo baluardo delle vere tradizioni popolari orvietane, ancora capace di stimolare l'immaginario di chi ne entra nel vissuto. Lo spirito è quello di chi vuole portare avanti progetti seri, ma senza volersi prendere troppo sul serio: i Cavajoli sanno bene, infatti, che in fondo non è poi male sorridere dei propri tic e ironizzare sui luoghi comuni che hanno accompagnato la Cava per decenni, quando era la zona riservata ai più poveri e miseri di Orvieto, una sorta di terra di confine tra città e campagna, e forse proprio per questo più viva e più vera ancora oggi.
E sempre con questo spirito è stato realizzato il sito internet della Cava, ospitato dal nuovo portale www.orvieto.info e concepito come una piccola guida semi-seria alla realtà cavajola, con un po' di storia, informazioni aggiornate, curiosità e, ovviamente, le notizie sulla associazione e sui suoi membri.
Per il primo triennio è stata scelta una donna a guidare "La Cava e i Cavajoli": la presidentessa dell'associazione e del consiglio direttivo è infatti Maria Grazia Cipriani (nella foto). Sarà affiancata da altri sei consiglieri: Vittorio Papa (Vice Presidente dell'Associazione), Simonetta Zappitello (Segretaria-Economa), Gilberto Graziani, Gabriella Prosperini, Marco Sciarra e Felice Zazzaretta, sul cui operato vigileranno Carlo Sborra, Averina Gambelli e Lidia Porcari, i revisori dei conti della associazione.

notizia pubblicata da: OrvietoNews, OrvietoSì, Il Giornale dell'Umbria, Corriere dell'Umbria


13 maggio
Madonna della Cava
«Cavajoli in festa 2004»

Dopo la riuscitissima sperimentazione dello scorso anno, si ripeterà, i prossimi 22 e 23 maggio, in forma più completa e solenne, la festa della Madonna della Cava, con l'immancabile cornice di festeggiamenti popolari.
La novità principale è costituita dalla riproposizione dell'antico percorso della processione, che toccherà le tre parrocchie che lambiscono la Cava: San Giovenale, San Giovanni e Sant'Andrea, raggiungendo anche Piazza della Repubblica. Per l'occasione è stati invitati anche i devoti della Madonna della Cava di Latera, che parteciperanno alle celebrazioni con le proprie rappresentanze.
E anche i festeggiamenti popolari torneranno nella loro originaria collocazione, a Piazza Malcorini, dove si potrà mangiare e bere in compagnia, ballare e giocare.
La preziosa collaborazione con il Palazzo del gusto ha permesso alla Associazione Culturale "La Cava e i Cavajoli", a cui il parroco ha affidato il coordinamento dell'evento, di organizzare una cena all'aperto per la serata di sabato 23, mentre la domenica vedrà la presenza dell'immancabile porchetta offerta dagli artigiani devoti alla Madonna della Cava; quest'anno a sponsorizzare l'iniziativa sono state le imprese "Stefano Rosciarelli" e "Restaurazioni" di Carlo Manfuso.
Durante le due giornate non mancheranno comunque piacevoli sorprese, come la mostra degli "artisti in salita", l'incontro con l'Associazione "Cardinal Girolamo Farnese" e qualche nuovo gioco. Tra le conferme, le serate danzanti e la lotteria con i premi moderni e quelli di una volta.

notizia pubblicata da: TeleOrvieto39 (con un lungo speciale ricco di servizi e interviste) - OrvietoSì - OrvietoNews - La Nazione - Il Messaggero - RTUAquesio - Il Giornale dell'Umbria - La Voce - Ulysse - PagineSì


24 maggio
La pioggia ha rovinato un'edizione memorabile
della festa della Madonna della Cava


Sarebbe stata un'edizione della festa della Madonna della Cava di quelle da raccontare a figli e nipoti, quella che ieri la pioggia ha interrotto.
Si era percepito già da sabato che la gente non sarebbe mancata, con una affluenza alla cena nel cortile del Palazzo del Gusto di un numero di persone almeno doppio rispetto ad ogni più rosea previsione, affluenza che aveva provocato, tra l'altro, un rallentamento del servizio ed un superlavoro per la cucina.
Affollatissime anche le funzioni serali e davvero animata la piazza con un giochi e balli.
E ieri il gran finale, con la chiesa incapace di contenere tutte le persone che erano accorse per le celebrazioni e che avevano invaso Via della Cava e Via Ranieri durante la messa officiata da ben tre sacerdoti, aiutati da due seminaristi.
Le prime gocce di pioggia non avevano scoraggiato la folla, che ha atteso l'uscita della statua della Madonna della Cava sotto gli ombrelli.
Una leggera schiarita aveva fatto ben sperare, tanto che i portatori, i parroci e l'Arciconfraternita di Latera (venuta appositamente con le proprie insegne per prendere parte all'evento) hanno deciso di far uscire la processione. La pioggia è però tornata a scendere più abbondante di prima, e il corteo si è dovuto interrompere ancor prima di raggiungere la metà del percorso previsto.
Il maltempo ha così rovinato una processione che soltanto ad un anno dalla sua riproposizione, aveva ritrovato i fasti di un tempo, rinnovando lo spirito che si respirava alla Cava parecchi decenni fa.
Saltata la serata danzante, ma non l'assalto alla porchetta offerta dagli artigiani e alle focacce, andate a ruba anche sotto la pioggia. Sospesi i giochi per i bambini e i grandi, e interrotta anche la vendita dei biglietti della lotteria locale.
La cerimonia dello scambio di doni con la Associazione Culturale "Cardinal Girolamo Farnese" di Latera, che aveva organizzato la trasferta del parroco e della Arciconfraternita, si è svolta in forma ristretta e privata presso il locali del Pozzo della Cava, così come l'estrazione dei biglietti vincenti della lotteria locale [Presto on-line le immagini dell'incontro e dello scambio di doni].
Sorpreso dalla pioggia anche Monsignor Scanavino, ospite inatteso e graditissimo della festa, che ha invano aspettato la processione a Piazza della Repubblica, per poi raggiungere i locali dove i portatori della statua della Madonna della Cava e i componenti della banda musicale cittadina avevano trovato riparo,e dove è stato intervistato dalle televisioni locali.
Ma la pioggia di ieri non ha intaccato lo spirito degli organizzatori, che stanno già pensando all'edizione del 21 e del 22 maggio del 2005, consapevoli che se anche la metà delle persone che hanno aspettato ieri sotto la pioggia tornerà il prossimo anno, sarà sicuramente un grande successo.

I numeri dei biglietti estratti

notizia pubblicata da: OrvietoSì - Il Messaggero - TeleOrvieto39 (con una differita sui due giorni di festa) - RTUAquesio


30 giugno
I Cavajoli in prima fila contro il caro-acqua
*

Riportiamo di seguito il testo del fax inviato oggi al Comune di Orvieto:
«Egregi Responsabili, facendo seguito alle comunicazioni del Sindaco**, rendiamo noto che nel corso della riunione del Consiglio Direttivo della nostra associazione culturale, tenutosi ieri sera, è stato deciso che la associazione stessa avanzi istanza, con il presente fax, per partecipare al costituendo comitato tecnico che dovrà concordare delle misure correttive all'attuale sistema di bollettazione dell'acqua.
« Si resta pertanto in attesa di conoscere le modalità per una tale partecipazione, nonché il numero e le caratteristiche dei nostri rappresentanti all'interno di questo comitato».


*nella seconda metà del mese di giugno [appena dopo le elezioni amministra-tive] sono state recapitate nel nostro territorio bollette dell'acqua con importi astronomici e conguagli inventati; la nostra associazione si vuole adoperare per la tutela dei diritti di Cavajoli e non, per un bene prezioso ed essenziale come l'acqua

** il 29 giugno il neo-sindaco Stefano Mocio dichiarando sconcerto e perplessità per le modalità di comunicazione e di bollettazione oltre che per l'inefficienza del front-office e del sistema di manutenzioni straordinarie, ha comunicato la decisione di istituire un comitato tecnico tra amministrazione, SII, ATO, Associazioni e comitati spontanei


10 agosto
Radio Maria alla Chiesa della Madonna della Cava


Martedì 28 settembre 2004, con inizio alle ore 16,30, avrà luogo una lunga diretta radiofonica dalla Chiesa della Madonna della Cava.
Ecco il programma in sintesi:
ore 16,35 esposizione del Ss.mo Sacramento
ore 16,45 inizio del collegamento in diretta con Radio Maria per la trasmissione "Ora di Spiritualità": breve saluto, Santo Rosario, Salmi, Vespri, Benedizione Eucaristica, canto e saluto finale.
I fedeli delle parrocchie di San Giovenale e di San Giovanni e tutti i devoti della Madonna della Cava sono invitati a vivere questa ora di intensa comunione.

notizia pubblicata da: OrvietoSì - Corriere dell'Umbria - Il Messaggero - RadioMaria.Org - RadioMaria.it - TeleOrvieto39 (con una differita sulla cerimonia) - RTUAquesio


11 novembre
Progetto di valorizzazione per il quartiere della Cava


Nei giorni scorsi si sono tenuti degli incontri tra i rappresentanti della Associazione Culturale "La Cava e i Cavajoli", il Sindaco e l'Assessore Germani, per degli interventi di miglioramento della zona della Cava.
Riprendendo un vecchio progetto presentato nel 2000 dagli operatori economici di Via della Cava, realizzato solo in minimissima parte, aggiornandone i contenuti ed estendendo la zona di interesse dalla sola via a tutta la zona compresa di Via Ranieri, Piazza Marcorini, Via Malcorini, Porta Maggiore e rupe delle "Colonnacce", spesso sfuggite ai vari piani di interventi per migliorie e riadeguamento della città di Orvieto.
Per leggere il testo delle proposte presentate, alcune delle quali (come la rimozione dei cavi esterni) estendibili all'intera città, che ne guadagnerebbe in immagine e decoro, basta cliccare qui (file.doc).


notizia pubblicata da: La Nazione - Il Messaggero - Corriere dell'Umbria - OrvietoSì.it (con la pubblicazione integrale delle proposte presentate) -
Il Giornale dell'Umbria




I comunicati stampa delle iniziative del Pozzo della Cava sono disponibili al sito www.pozzodellacava.it/press